7 eventi per il ponte dell’Immacolata

ponte dell'immacolata
Ponte dell'Immacolata

L’8 dicembre per molti italiani rappresenta lo spartiacque che porta al periodo Natalizio. L’Immacolata Concezione spesso e volentieri è un’occasione per organizzare viaggi o weekend fuoriporta con tutta la famiglia. Le località di montagna aprono la stagione sciistica, chi rimane in città invece ha l’occasione di avvicinarsi al Natale con sagre ed eventi che animeranno tutto il weekend. 

La febbre natalizia sale in maniera palpabile e si avvicina il tempo delle fiere e dei mercatini di natale. Luoghi perfetti dove andare alla ricerca di qualche oggetto curioso da regalare ad amici e parenti, o da acquistare per decorare la propria casa. 

Oh Bej Oh Bej, la fiera di Sant’Ambrogio

Con la fiera degli Oh Bej Oh Bej, a Milano iniziano ufficialmente le feste di Natale. Per quattro giorni, da giovedì 6 a domenica 9 Dicembre 2018, lungo il perimetro del Castello Sforzesco, centinaia espositori propongono la propria merce: dai rigattieri agli artigiani, dai fioristi ai giocattolai, dai fabbri ai venditori di libri. La fiera degli Oh Bej Oh Bej è il più tradizionale e popolare degli appuntamenti della settimana di Sant’Ambrogio: da cinque secoli anticipa le festività natalizie dei milanesi tra dolci, sorprese e curiosità di ogni tipo.

Un’ottima occasione per vivere appieno lo spirito natalizio cittadino, magari abbinandolo a un salto in Piazza Duomo per ammirare l’albero di Natale. Oppure a una visita all’altro grande mercatino che richiama turisti da tutta Italia e anche dall’estero, L’Artigiano in Fiera. 

Fiera fredda a Borgo San Dalmazzo

Per festeggiare il Santo Patrono, questo borgo medievale in provincia di Cuneo sceglie la lentezza e la celebra con deliziosi piatti a base di lumache, all’interno di Palazzo Bertello, da martedì 4 a domenica 9 Dicembre. Questo appuntamento ha una storia lunga quasi 450 anni: nata nel 1569 per concessione Emanuele Filiberto I di Savoia, la Fiera Fredda era un importante momento di scambio per tutti gli abitanti delle valli, che scendevano in paese per procurarsi le ultime provviste prima del lungo inverno.

Oggi questo evento è l’occasione per assaggiare tanti piatti della tradizione: il minestrone di trippe, le lumache e il cotechino con i crauti.
Regina della fiera è infatti la lumaca Helix Pomatia Alpina che ha trovato il suo habitat naturale nei boschi delle Alpi Marittime. Appuntamento speciale il 5 Dicembre con il mercato nazionale della lumaca.

Accensione degli alberi di Natale a Firenze

In occasione della cerimonia dell’accensione dei 32 alberi di Natale in tutta Firenze, il Corteo della Repubblica Fiorentina percorrerà il centro storico fino ad arrivare in piazza del Duomo. L’evento darà il via alle festività natalizie, con l’inaugurazione di alberi, addobbi e luci in giro per tutta la città. Dopo i saluti di fronte all’albero di Natale nel cortile di Palazzo Vecchio alle ore 16.30, il Sindaco si dirigerà in Piazza Duomo per l’accensione del grande abete di fronte alla Cattedrale.

L’8 Dicembre prenderà il via anche l’F-Light Festival, un evento che rivestirà di una nuova luce i monumenti, le piazze e le torri della città.  Verrà accesa una delle nuove installazioni di F-Light: in Piazza Santa Maria Novella, di fronte alla meravigliosa facciata della basilica, sarà inaugurato un grande albero di luminarie. Il festivalquest’anno nasce all’insegna della genialità di Leonardo da Vinci, di cui si celebreranno nel 2019 i cinquecento anni dalla morte. 

Sagra del Pangiallo e della Polenta a Riano

Riano la Sagra del Pangiallo e della Polenta organizzata dalla rinnovata Pro Loco di Riano. Per due giorni di festa assaggerete le migliori prelibatezze gastronomiche natalizie della cucina romana. La cui regina è il tradizionale Pangiallo che la tradizione vuole che venga impastato con frutta secca, miele e cedro candito, poi cotto e ricoperto da uno strato di pastella d’uovo.

Tra uno stand e l’altro, potrete degustare le migliori combinazioni di polenta e prodotti tipici, ma anche tante altre specialità locali come le caldarroste, il vin brulé e l’ottimo vino locale.
I cacciatori di regali potranno sfoderare il loro fiuto da affaristi con una passeggiata tra i mercatini con i migliori prodotti dell’artigianato locale. E ancora laboratori, mostre fotografiche, balli e intrattenimenti musicali.

La casa di Babbo Natale ad Acquavella

Per il terzo anno di fila, riapre il 4 dicembre la magica casa di Babbo Natale ad Acquavella, frazione di Casal Velino, nel Cilento. Nel centro storico della città, riaprono le porte della casa di Babbo Natale, pronto ad accogliere con gioia e allegria i grandi e piccoli visitatori. Curata nei minimi dettagli, la ricostruzione della casa è quasi fiabesca, dal giardino incantato, alla cucina, dalla camera da letto alla stanza delle letterine, fino a giungere al salone dei giochi.

Nella parte esterna, oltre ai mercatini con manufatti artigianali e prodotti agricoli del parco nazionale del Cilento troverete la locanda di Babbo Natale dove potrete gustare piatti tipici cilentani e vino locale. Nella locanda esterna di Babbo Natale si possono gustare ottimi panini, pizze fritte, dolci, vino e tanto altro trascorrendo una piacevole serata natalizia.

Sand Nativity a Salerno

Il Natale a Salerno non smette mai di stupire. Insieme all’appuntamento ormai consueto delle Luci D’artista ed alla grande Panoramica sul Lungomare, ci sarà anche un altro spettacolo ad accogliere i visitatori. Sand Nativity, una grande mostra dei presepi di sabbia che sarà visitabile nella stazione marittima di Salerno dall’8 Dicembre all’8 Gennaio. Sarà allestito questo percorso natalizio fra statue a grandezza naturale, illuminate anche di notte.

La mostra ritorna per il secondo anno a Salerno dopo il successo dello scorso anno, in cui fu visitata da più di 60.000 persone. Quest’anno, al Museo Diocesano, potremo ammirare ben otto grandi opere degli artisti Rodrigo Ferreira, Ferenc Monostori, Udo Ulrich e Aaron Ojeda. Quattro importanti scultori internazionali che, con scalpelli e getti d’acqua, modellano grandi blocchi di sabbia per realizzare le loro figure giganti. 

Chocomodica

Il cioccolato più celebre di Sicilia verrà celebrato da giovedì 6 a domenica 9 dicembre, per un weekend all’insegna della dolcezza e del divertimento. Poche settimane fa il cioccolato di Modica è divenuto l’unico cioccolato al mondo a potersi fregiare del certificato europeo Igp. Quale occasione migliore per festeggiare questo ambito riconoscimento?

Il calendario di eventi è ricco d’appuntamenti che spaziano dalle degustazioni alle iniziative culturali, dai laboratori di pasticceria ai momenti musicali. La manifestazione è suddivisa in quattro aree tematiche: una commerciale, riservata alla vendita di cacao e cioccolato prodotto dalle aziende artigiane locali; una a carattere didattico-culturale, con degustazioni guidate, laboratori di cucina, workshop e presentazioni, percorsi espositivi alla scoperta delle bellezze artistiche e architettoniche di Modica; ci sono poi uno spazio di intrattenimento che ospita giochi, esibizioni e parate, e una zona dedicata alle iniziative e agli eventi speciali. Sono previste attività ludico-educative per i bambini.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *